Hai bisogno di aiuto? Chiama 0381.82519 o scrivi a info@anthaus.it

TangKa tibetano raffigurante Manjusri Arabazha

Epoca: XX secolo

Iconografia: Buddhismo

Materiale: Tempera su tela

Autore: NyangBon

Nazione: Tibet

Misure: H. 70 cm - L. 54 cm

Vedi tutti i dettagli del prodotto

Codice: 9000-0139

Disponibilità: Disponibile

€ 700,00
Tibet

Descrizione

Questo pregiato dipinto tibetano, eseguito dal monaco artista NyangBon, raffigura Arabazha Manjusri, primo interlocutore del Buddha Sakyamuny per la corrente Mahayana, e divinità della saggezza per il Buddhismo Vajarayna, per questo è anche conosciuto come Buddha della conoscenza.
Viene raffigurato quasi sempre con la mano destra che stringe la spada fiammeggiante, in tibetano khadga, a sottolineare il ruolo di questa divinità , simboleggia infatti la distruzione dell’ignoranza come una fiaccola che illumina le tenebre. Sulla sua spalla sinistra viene sempre raffigurato un grande fiore di loto, nella mano stringe un laccio, in sanscrito pāśa, che serve a legare i demoni e ad avvicinare al Dharma.
Come spesso la tradizione pittorica vuole, il soggetto centrale del dipinto è affiancato da diverse figure centrali del Buddhismo. In questo TangKa possiamo riconoscere Tara bianca, Amitaba e Tara verde nella parte superiore. Mentre agli angoli sottostanti sono raffigurati Amoghapasa e Vajarapani.
Questo dipinto arriva dalla scuola “The Regong Thangka” fondata 700 anni fa ad Huangnan (in tibetano Rma-lho Bod-rigs rang-skyong-khu), una prefettura autonoma tibetana della provincia del Qinghai. Ogni pittore deve studiare l’immenso mondo della simbologia buddhista, in ogni sua declinazione, per poi dipingere con consapevolezza.

Scheda prodotto

Misure H. 70 cm - L. 54 cm - P. - cm
Tecnicapittura
Materialetempera su tela
AnnoXX Secolo
NazioneTibet
Provenienza accademia tibetana “The Regong Thangka”